Cerca
Close this search box.

Cocktail Boulevardier

boulevardier cocktail

Storia e origini del Boulevardier cocktail

Il Boulevardier è uno dei cocktail più importanti e conosciuti in tutto il mondo, infatti fa parte della lista dell’IBA, all’interno della quale è stato inserito nella categoria degli ‘Indimenticabili’. Questo drink è stato creato a Parigi negli anni Venti per dare vita a una versione alternativa del Negroni andando a sostituire il gin con il whisky. Raggiunge la notorietà già nel 1927 quando uno dei più importanti e famosi barman del momento, Harry MacElhone, ne inserisce la ricetta all’interno di un libro in cui voleva presentare tutti i più apprezzati cocktail e drink di quel periodo. In questo testo Harry non si limita ad inserire ingredienti e metodologie di preparazione delle bevande, ma ne racconta anche la storia e le origini ed è così che indica come inventore del Boulevardier Cocktail Erskine Gwynnet, il proprietario del più importante locale di Parigi in cui lavorava proprio Harry.

Anche se Gwynnet viene riconosciuto come l’ideatore di questo cocktail, è stato Harry a portarlo davvero al successo e a farlo diventare in breve tempo un must in tutta Europa. Dopo anni di lavoro duro e intenso egli riuscì addirittura ad acquistare il locale in cui lavorava e lo ha reso un punto di ritrovo fondamentale per turisti e parigini che volevano sorseggiare drink di qualità. Ancora oggi il bar è tra i più famosi e all’avanguardia della città e viene gestito dai discendenti di Harry.

cocktail boulevardier
ghiacciovermut rosso
campari
limonetumbler basso

Gli ingredienti e la preparazione del Boulevardier Cocktail

La ricetta originale del Boulevardier Cocktail riconosciuta dall’IBA prevede l’impiego dei seguenti ingredienti:


45 ml di Bourbon o di Rye Whisky


30 ml di Bitter Campari


30 ml di Vermut rosso dolce


cubetti di ghiaccio


scorzette di arancia e di limone per la guarnizione

Per la preparazione del Boulevardier Cocktail è sufficiente inserire tutti gli ingredienti all’interno di uno shaker, aggiungere dei cubetti di ghiaccio e agitare per alcuni secondi. Si filtra il drink e lo si versa in un classico bicchiere da cocktail che sia stato però precedentemente raffreddato in freezer. Si può decorare con le scorze di arancia e di limone.

Curiosità e attenzioni nella scelta degli ingredienti

Per ottenere un Boulevardier Cocktail di qualità e indimenticabile, la scelta degli ingredienti è fondamentale.

La ricetta ufficialmente riconosciuta dalla BIA prevede che venga utilizzato il Borboun o il Rye Whisky. Il risultato migliore si ottiene scegliendo un prodotto altamente aromatico, corposo, dal sapore pieno e dal profumo dolce. Quello migliore è realizzato a partire dalla fermentazione di miscele di cereali come orzo, mais e segale perché il loro mix crea un connubio di aromi perfetto. Anche la confezione può fare la differenza. La presenza, ad esempio, di un tappo in sughero permette la corretta ossigenazione del superalcolico durante tutta la sua permanenza nella bottiglia. Per ottenere un cocktail dolce ed equilibrato si consiglia di scegliere un prodotto con una gradazione alcolica del 40%, se, invece, si vuole azzardare, ci si può spingere oltre il 45-47%.

Anche per quanto riguarda il Vermut si devono considerare alcuni importanti aspetti, tra cui gli ingredienti impiegati per la sua preparazione perché incidono notevolmente su odore, colore, aroma e sapore del prodotto finale. Per la realizzazione di questo cocktail i grandi barman suggeriscono di utilizzare un Vermut rosso dal sapore dolce e non troppo forte e dall’odore fruttato. Anche il colore è un dettaglio da non trascurare. In commercio ne esistono di tantissime tonalità e gradazioni differenti, ma quello che più si adatta alla preparazione del Boulevardier è la versione rossa rubino intenso.

Non tutti sanno quanto anche la scelta del ghiaccio possa davvero fare la differenza. In questo caso lo si deve impiegare tritato e non in cubetti di grosse dimensioni.

Strumenti utili alla preparazione del Boulevardier Cocktail

Per preparare il Boulevardier Cocktail non sono necessari molti strumenti, infatti sono sufficienti un classico shaker dotato di filtro interno, un bicchiere da cocktail e un pesta ghiaccio per frantumare i cubetti e portarli alla corretta dimensione.

Come servire il Boulevardier Cocktail: bicchieri e guarnizioni

Il Boulevardier Cocktail deve essere servito in un classico bicchiere da cocktail, quindi una coppa bassa e larga. Questo drink viene esaltato dalle basse temperature per cui è fondamentale che il bicchiere venga lasciato in freezer fino al momento in cui verrà riempito con il cocktail.

Il colore rosso rubino intenso del Vermut rende il Boulevardier una bevanda molto particolare ed elegante per questo motivo non è necessario effettuare delle decorazioni o delle guarnizioni eccessive che, al contrario, andrebbero a rovinare il drink. Sono sufficienti, invece, delle scorze di arancia e/o di limone all’interno del bicchiere di servizio e una o due cannucce colorate.

cocktail boulevardier

Eventuali varianti del Boulevardier Cocktail

Il Boulevardier Cocktail è inserito tra ‘Gli Indimenticali’ nella lista della BIA in cui compare anche la ricetta ufficiale che deve essere scrupolosamente seguita. E’ proprio per questo motivo che non esistono moltissime varianti di tale cocktail. Ogni singolo barman si potrà, quindi, sbizzarrire solo nella scelta degli ingredienti, tra cui il grado alcolico del Bourbon o del Rye Whisky e l’intensità di aroma, colore, sapore e gusto del Vermut. Il Boulevardier è un grande classico intramontabile perciò si consiglia sempre di utilizzare delle materie prime dalle caratteristiche medie e prive di eccessi. Solo pochi si permettono di azzardare aggiungendo come tocco finale una ciliegina o qualche goccia di olio essenziale all’arancia.

3 location migliori al mondo dove bere il Boulevardier Cocktail

E’ inutile dire che la città migliore in cui degustare un ottimo Boulevardier Cocktail è Parigi, il suo paese di origine. In realtà, però, questo cocktail è diventato famoso e popolare in tutto in mondo ed è per questo motivo che il drink viene realizzato con ottimi risultati anche in Irlanda del Nord e in Scozia, patrie del whisky, uno dei suoi ingredienti principali. Allo stesso modo, il Piemonte e tutta la zona di Torino si sono specializzati nella preparazione del noto drink. Qui, infatti, è possibile utilizzare Vermut locali e artigianali di altissima qualità che non solo esaltano il gusto liquoroso del Boulevardier, ma gli donano anche un indimenticabile ed elegante colore rosso rubino intenso e deciso.

Curiosità sul Boulevardier Cocktail

Il nome di questo cocktail è molto particolare e deriva dal termine francese ‘boulevard’ che significa letteralmente strada. Questo perché il drink veniva definito come ‘il figlio di strada’ del Negroni da cui ha preso le sue origini. Anche se ideato nella città di Parigi negli anni Venti, la storia insegna che il suo ideatore è stato Erskine Gwynne, un americano espatriato in Francia che si divertiva a realizzare diverse combinazioni alcoliche ed è proprio per questo motivo che nelle sue prime versioni non veniva preparato utilizzando il Whisky, ma il Bourbon. Insomma, il Boulevardier è il tipico cocktail figlio dell’epoca del proibizionismo che ha saputo, però, con il tempo uscire da questi schemi e diventare un drink apprezzato e alla portata di tutti.

Divertiti con noi

iscriviti alla newsletter

Per i prossimi aperitivi

Cocktail Caipiroska
Il cocktail Caipiroska appartiene al gruppo dei cocktail pestati, che si ottengono quindi da frutta fresca, erbe e zucchero.
Cocktail Acab
Vodka, cacao scuro e crema di latte: ecco gli ingredienti del famoso coctail Acab, da bere rigorosamente in shot.
Cocktail Bloody Mary
Strano ma vero: negli Stati Uniti, il Bloody Mary viene considerato una valida cura per alleviare i postumi di una sbornia.
Cocktail Old Fashioned
L’Old Fashioned è il cocktail classico per eccellenza, famoso in tutto il mondo che presenta numerose varianti e modifiche.
Cocktail Margarita
Il Margarita è un cocktail sour elegante che regala al palato un perfetto equilibrio di profumi ed è ottimo da gustare a tutte le ore del giorno.
Cocktail Alexander
L'Alexander è uno dei cocktail riconosciuti dall'International Bartenders Association, ed è composto da crema di cacao scura, panna e cognac.